Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

PROFEZIE DI FULTON SHEEN SUI NOSTRI TEMPI: “L’Anticristo immagina il nuovo Stato socialista in cui lui e i suoi seguaci organizzeranno ogni cosa…Il prossimo conflitto avverrà tra Religione di Dio e Religione di Stato, tra Cristo e Anticristo” LA PASSIONE DELLA CHIESA SARÀ SOTTO IL POTERE DELLO STATO TOTALITARIO

“Il prossimo conflitto avverrà tra Religione di Dio e Religione di Stato, tra Cristo e Anticristo: quest’ultimo travestito da capo politico”

Mai prima d’ora nella storia umana il potere spirituale è stato così indifeso contro il potere politico; mai prima d’ora il potere politico ha usurpato in tanta misura il potere spirituale. Fu Gesù Cristo a patire sotto Ponzio Pilato; non fu Ponzio Pilato a patire sotto Gesù Cristo. Oggi, il vero pericolo non è la religione nella politica, ma la politica nella religione.

Per la prima volta nella storia del Cristianesimo, la politica, che iniziò con il dividersi dalla morale e dalla religione, ha capito che l’uomo non può vivere di solo pane, così ha tentato di catturare l’anima, attraverso ciascuna delle parole uscite dalla bocca di un Dittatore.

Per la prima volta nella civiltà occidentale Cristiana il regno dell’Anticristo ha acquistato forma politica e sostanza sociale, sovrastando e combattendo il Cristianesimo nella propria essenza di Anti-chiesa: con i propri dogmi, le proprie scritture, la propria infallibilità, la propria gerarchia, il proprio capo visibile, i propri missionari, e il proprio capo invisibile, troppo terribile perché se ne pronunci il nome.

Ai nostri giorni, in certe nazioni la religione esiste soltanto in quanto tollerata da un dittatore politico. Senza perseguitare attivamente la Chiesa, ne usurpa le funzioni, concede le tessere del pane solo a quelli che cospirano contro la religione, tenta di creare un’uniformità ideologica sopprimendo chiunque si opponga a questa ideologia, e, con il solo peso della propaganda di Stato, intende effettuare l’organizzazione sociale delle masse su una base meramente secolare e anti-religiosa.

L’istruzione, oggigiorno, si va politicizzando. Lo Stato moderno estende il proprio dominio su zone estranee alla propria giurisdizione: sulla famiglia, sull’educazione, sull’anima. Specialmente pericolosa diventa la concentrazione dell’opinione pubblica in un numero sempre più ristretto di persone, data la meccanicità con cui si può disseminare la propaganda. I contorni acquistano una crudezza particolare.

Il prossimo conflitto avverrà tra Religione di Dio e Religione di Stato, tra Cristo e Anticristo: quest’ultimo travestito da capo politico.

(Fulton J. Sheen, da “Characters of the passion” 1947)

LA PASSIONE DELLA CHIESA SARÀ SOTTO IL POTERE DELLO STATO TOTALITARIO COME QUELLA DI CRISTO FU SOTTO PONZIO PILATO

Nella preghiera del “Credo” c’è qualcosa di profetico nella breve descrizione della morte di Nostro Signore. Nessun altro nome è menzionato, tranne quello di un solo giudice: Giuda, Anna e Caifa non sono menzionati. Rapido è il passo della Vita terrena di Nostro Signore, ma un unico particolare significativo rimane a mente: “Patì sotto Ponzio Pilato”. Il che non sta solo ad attestare un fatto storico, ma anche a significare la profezia di ciò che, alcune volte, accadrà a Cristo nel Suo Corpo Mistico: in altre parole, la Sua Chiesa, nei giorni bui della storia, decrescerà fino a subire la persecuzione e a morire di una morte apparentemente definitiva, patendo sotto Ponzio Pilato, ossia sotto il potere di uno Stato “onnipotente”.

Può darsi che la religione non riesca ad opporsi allo Stato-religione, perché lo Stato moderno è armato e la Chiesa no. Può darsi perfino che la religione venga sballottata tra un giudice antico che crede sia bene che muoia un uomo solo piuttosto che perisca l’intera nazione, e un giudice moderno che ritiene sia bene che muoia tutto il popolo per un uomo solo: un dittatore. Può darsi che dalle labbra dei moderni Pilati senta le parole del Potere: “Non sai tu che ho il potere di crocifiggerti e di liberarti?”. Ma essi sentiranno sempre la dolce Voce di Cristo: “Tu non avresti nessun potere su di Me se non ti fosse dato dall’alto”.

Anche se Cristo non ci liberasse dal potere dello Stato Totalitario, così come non liberò Se Stesso, dovremmo vedere in tutto questo la Sua deliberata Volontà. Può darsi che i Suoi figli vengano perseguitati dal mondo dove da esso appunto possano allontanarsi; può darsi che i Suoi nemici più accaniti stiano, inconsciamente, lavorando per Lui, in quanto potrebbe essere compito precipuo del totalitarismo il presiedere alla soppressione di un mondo moderno divenuto indifferente nei confronti di Dio e delle Sue leggi morali. Può darsi che lo stesso secolarismo di cui soffriamo sia una reazione contro la nostra infermità spirituale.

Può darsi che lo sviluppo dell’ateismo e del totalitarismo costituisca la misura della nostra mancanza di zelo e di pietà, la prova della nostra inadempienza dei doveri cristiani. Può darsi che, come le malattie si sviluppano laddove esistono condizioni di sporcizia, così il “fascismo rosso” si sviluppi nell’empietà, e che fin quando non recheremo le Stigmate di Cristo non saremo liberati nella Sua Vittoria. Può darsi che questo stato di cose sia stato reso possibile dal fatto che abbiamo smarrito gli ideali soprannaturali e consentito al declino della famiglia, dalla nostra mancanza di rispetto per il prossimo e dal nostro crescente egoismo.

Ma quale che sia la ragione di questi giorni di prova, d’una cosa possiamo essere certi e cioè che: il Cristo che patì sotto Ponzio Pilato firmò la sentenza di morte di Pilato, non fu Pilato a firmare la sentenza di morte di Cristo.

La Chiesa di Cristo sarà attaccata, schernita, messa in ridicolo, ma non sarà mai distrutta!

I nemici di Dio non riusciranno mai a detronizzare Dio dai Cieli, né a svuotare i Tabernacoli del loro Eucaristico Signore, né a sopprimere le Mani assolutrici, ma può darsi che riescano a devastare la terra.

La cruda realtà che i nemici di Dio devono guardare in faccia è che la civiltà moderna ha conquistato il mondo, ma, così facendo, ne ha perduto l’anima; e appunto perché ne ha perduto l’anima, perderà quel mondo stesso che ha conquistato. Come si offusca la religione, così si offusca la libertà, perché solo dov’è lo Spirito di Dio vi è libertà.

(Fulton J. Sheen, da “Characters of the passion” 1947)

“È sotto la maschera e il travestimento di un progresso che nega il peccato e la colpa che l’Anticristo sfila oggi nel mondo, siede nelle nostre aule, scrive sulle nostre riviste”

C’è qualcosa di marcio nel mondo; e quel marcio è così radicale e universale che non si spiega con le cose, ma con uno spirito: lo spirito del male. È la nostra cecità a non vedere che c’è il male, perché ne abbiamo negato l’esistenza. Un uomo senza occhi può essere convinto che la notte è giorno e il giorno è notte.

Così anche il mondo moderno, che ha perso sia gli occhi della fede che quelli della ragione, può essere indotto a credere che lo spirito dell’anticristo non sia qui, perché ha dimenticato Cristo, chi lo convincerà che c’è un Anticristo? (…)

Gli uomini pensano che il male debba venire sotto le sembianze di un germe, o di una bomba, o di un’incidente, o di un’esplosione, o di un disastro ferroviario, o di un fallimento bancario, dimenticando che il più grande male può venire all’uomo sotto le mentite spoglie dei pensieri e delle idee umane.

È sotto la maschera e il travestimento di un progresso che nega il peccato e la colpa che l’Anticristo sfila oggi nel mondo, siede nelle nostre aule, scrive sulle nostre riviste, si pavoneggia sui nostri palcoscenici, promettendo di redimere l’uomo quando avrà abbandonato la Croce e la penitenza.

(Fulton J. Sheen, da “For God and Country”, 1941)

“L’Anticristo immagina il nuovo Stato socialista in cui lui e i suoi seguaci organizzeranno ogni cosa”

Oggi le anime si vendono per quel pane che chiamano sicurezza; si vendono per quel potere che oggi si chiama Scienza e Progresso, mentre altri, in più di un quinto della superficie mondiale, hanno barattato la loro libertà per dittatori e tiranni.

Aveva ragione Dostoievskij, quel grande scrittore russo del secolo scorso, quando in un grande lampo di genio avvertì che la negazione del peccato e dell’inferno nell’educazione e nella religione sarebbe finita in un socialismo mondiale dove gli uomini avrebbero rinunciato alla libertà per una falsa sicurezza.

Egli immaginò l’Anticristo che ritornava nel mondo e parlava così a Cristo: “Tu sai che le epoche passeranno, e l’umanità proclamerà dalle labbra dei suoi saggi che non c’è crimine, e quindi nessun peccato; c’è solo la fame? E gli uomini verranno strisciando ai nostri piedi, dicendoci: ‘Dateci il pane! Prendetevi la nostra libertà’ “.

Mi chiedo se quei giorni non siano già arrivati; al posto degli uomini liberi, l’Anticristo immagina il nuovo Stato socialista in cui lui e i suoi seguaci organizzeranno ogni cosa dopo aver convinto la gente che non c’è peccato – c’è solo la fame.

Negando la responsabilità a Dio, gli uomini hanno ceduto la loro libertà a Satana.

(Fulton J. Sheen, da “Freedom In Danger, 1943”)

GLI AVVOLTOI DEL COMUNISMO SONO GLI SPAZZINI DELLA STORIA MODERNA

Gli avvoltoi del comunismo stanno scendendo sull’Occidente perché la decadenza e la morte sono già scesi nel mondo occidentale a causa del crollo della famiglia e della moralità pubblica. Il comunismo è lo spazzino della storia moderna.

Se il nostro mondo moderno ha permesso una tale decadenza, nella nostra vita pubblica e privata, è necessario che arrivino gli spazzini. Gli avvoltoi sono necessari per la salute del mondo: le carcasse non consumate causerebbero inquinamento. Un mondo senza spazzini sarebbe come un sepolcro puzzolente.

O noi ripuliremo la corruzione e la pestilenza morale, o gli avvoltoi verranno con un martello su un’ala e una falce sull’altra: il martello per abbattere le nostre croci, la falce per tagliare la vita umana come il grano nella persecuzione di coloro che vogliono fare il Pane della Vita.

Ciò che è grave è l’apatia e la tiepidezza riguardo ai nostri tempi critici. Ora è il momento di scuotersi di dosso il letargo fatale.

Tutte le brave donne e gli uomini che si occupano dei destini del mondo devono rendersi conto che il mondo intero deve essere ricostruito dalle fondamenta, e che il modo migliore per farlo è iniziare da noi stessi.

(Fulton J. Sheen, da “The Perils of The Times, luglio 1952”)

Il mondo occidentale deve capire che il totalitarismo non può essere superato dal socialismo, dal capitalismo “laissez-faire”, dall’individualismo o da qualsiasi combinazione di questi, perché ciò che è andato storto non sono i mezzi per vivere, ma i fini. Il caos economico e politico del mondo moderno può essere superato solo da un concetto non politico, non economico, non Marxiano, non Freudiano, dell’uomo e della società.

Questo non significa che la politica e l’economia non abbiano valore; lo hanno. Ma significa che hanno un valore secondario perché, se non conosciamo la natura della creatura per la quale la politica e l’economia esistono, è inutile immischiarsi in esse come lo è ingannare un “forno fusorio” se non ne conosciamo lo scopo.

A meno che non ripristiniamo il concetto Cristiano di uomo, e quindi costruiamo un ordine umano piuttosto che economico, saremo costretti a un Totalitarismo nell’ora in cui stiamo facendo del nostro meglio per combatterlo.

(Fulton J. Sheen, da “Philosophies at War, 1943”)

“Dio potrebbe salvarci dal nostro caos e dalla nostra schiavitù con la forza, ma ciò sarebbe la distruzione della libertà”

Non c’è modo di fermare questo tradimento della libertà se non attraverso la predicazione Cristiana dello scopo e del fine dell’uomo; vale a dire, lo svolgimento e sviluppo sociale, economico, e politico della sua personalità in questo mondo e la sua fioritura spirituale nel prossimo.

Dio potrebbe salvarci dal nostro caos e dalla nostra schiavitù con la forza, ma ciò sarebbe la distruzione della libertà. Dio attende la risposta libera e non forzata dell’uomo alla sua chiamata. Ecco perché il Suo ultimo addio al mondo è stato dall’impotenza della croce dove solo i Suoi occhi potevano richiamarci al dolce scopo della vita. Ha sopportato persino i più grandi malfattori per amore della libertà.

Tale libertà non è una libertà indifferente verso la verità, né tollerante verso la falsità, ma è una libertà che crede nella verità ed è così sacra da valere una morte in croce.

(Fulton J. Sheen, da “Freedom Under God” 1940)

È semplicemente impossibile avere milioni di uomini nel mondo che vivono secondo i loro princìpi pagani, e non produrre il moderno mondo caotico in cui viviamo. Questa idea di un “Paradiso quaggiù” è il modo più sicuro per creare un inferno sulla terra. L’universo diventa così una molteplicità di piccole divinità egocentriche; lo stemma di ciascuna è una grande lettera “I”, e quando parlano le loro “I” si avvicinano sempre di più.

Alla luce della precedente spiegazione dell’uomo, la scelta davanti al mondo è questa: Costruiremo un Nuovo Ordine sul presupposto totalitario che l’uomo è uno strumento dello Stato? O manterremo il Vecchio Ordine della cultura laicista degli ultimi duecento anni, secondo cui l’uomo è solo un animale economico? O costruiremo un Nuovo Ordine sul presupposto Cristiano, che l’uomo è una creatura fatta a immagine e somiglianza di Dio e quindi uno per il quale l’economia, la politica e la società esistono come mezzo per un destino eterno al di là della prospettiva storica dei pianeti, dello spazio e del tempo?

(Fulton J. Sheen, da “Philosophies at War” 1943)

Il liberalismo non è stato la nascita della libertà; la dittatura non è la sua scoperta. La libertà aveva le sue radici nella natura spirituale dell’uomo prima che esistesse un liberale, un democratico, un fascista, un fascista sovietico o un comunista. La libertà non è nata da nessuna organizzazione sociale, da nessuna costituzione, da nessun partito, ma dall’anima dell’uomo… È ora che i liberali e i dittatori smettano di parlare di dare la libertà all’uomo, e si rendano conto che l’uomo dà loro la libertà. Allora l’uomo, a sua volta, si renda conto che le radici della sua libertà sono nel suo scopo di creatura fatta a immagine e somiglianza di Dio.

(Fulton J. Sheen, da “Freedom Under God” 1940)

Il nuovo ateismo non è come il vecchio ateismo teorico, che si vantava di essere composto intellettualmente da un po’ di scienza, antropologia e religione comparata. Il nuovo ateismo non è dell’intelletto, ma della volontà; è un atto di rifiuto libero e desideroso della moralità e delle sue esigenze. Inizia con l’affermazione di sé e la negazione della legge morale.

(Fulton J. Sheen)

L’educazione forma solo metà dell’uomo, sviluppando il suo intelletto, ma non la sua volontà; la sua mente, ma non il suo carattere; gli dà la conoscenza dei fatti, ma non gli dà alcuno scopo o destino… Quando la Verità Divina viene negata, non c’è nessun fondamento finale della verità se non il potere, che ha già reso schiavo un terzo del mondo.

(Fulton J. Sheen, Moral Responsibility Decays. Feb, 18, 1979.)

Se distruggiamo le radici morali della libertà non possiamo aspettarci di conservare i frutti della libertà. La libertà è responsabilità, non licenza. La libertà separata dalla responsabilità morale – cioè la libertà separata da Dio – è anarchia. La libertà di religione morirà se ci sottraiamo alle nostre responsabilità o ai nostri doveri verso Dio. La libertà di parola morirà se ci sottraiamo alla nostra responsabilità verso la verità. La libertà dal bisogno svanirà se ci sottraiamo alla nostra responsabilità verso il nostro prossimo. La libertà dalla paura svanirà se ci sottraiamo alla nostra responsabilità di amare coloro che sono in difficoltà… La libertà non è un cimelio che appartiene originariamente ai Padri Fondatori del nostro Paese, e che da allora ci è stato tramandato di generazione in generazione. La libertà è piuttosto una dono come la vita, che si conserva resistendo di volta in volta alle sfide della malattia e della morte. La libertà è nostra solo per essere donata. Noi vogliamo la libertà per poter fare le nostre disposizioni e le nostre scelte. Ogni uomo può cedere la sua libertà alle creature, all’opinione pubblica o a Dio. La creatura a cui cede la sua libertà può essere il denaro, o il potere, o un essere umano – poiché ogni amore è una schiavitù, che cerca di svincolarsi dall’oggetto del suo affetto.

(Fulton J. Sheen, Freedom – February 19, 1944.)

Nessun vero successo è mai goduto senza sacrificio e sforzo. Se colui che gode del successo non l’ha pagato, qualcun altro l’ha fatto. Il lavoro di un padre nell’accumulare il capitale ha pagato il successo del figlio che non ha mai aggiunto nulla a ciò che ha, ma si limita soltanto a manipolarlo.

L’assicurarsi uno stipendio, del denaro o della fama senza il dispendio di sforzi è dannoso per la natura umana. I sovietici non lo sanno, ma uno dei loro articoli ha una citazione di San Paolo, cioè: “Chi non lavora, non mangi”. La ricchezza facile e frettolosa attraverso la speculazione o attraverso il petrolio che sgorga in faccia da un buco nel terreno, potrebbe portare all’effeminatezza, a meno che non sia temperata da uno sforzo per controllare il falso orgoglio che deriva dalla ricchezza rapida.

Anche l’andare in chiesa, quando conviene solo alla nostra comodità, o perché è Natale o Pasqua, o perché “non si parla mai del peccato”, può finire nel declino della vera pietà. I bambini non sono gli unici a cui piacciono i cibi predigeriti: piacciono anche agli adulti.

Quello che non costa nulla equivale al nulla. La natura dà all’uomo il mais, ma egli deve macinarlo; Dio dà all’uomo una volontà, ma egli deve fare delle scelte giuste. Come disse Goethe: “Una vita oziosa è la morte anticipata”. Non si è mai trovata e non si troverà mai una filosofia migliore di quella che mette la Croce al centro della civiltà del bene, del vero e del bello e poi aggiunge: “Prendete ogni giorno la vostra croce e seguitemi”.

(Fulton J. Sheen, da “Parasites in Civilization-Parassiti nella Civiltà” 1955)

Il nostro è il tempo del grande divorzio di Cristo dalla Sua Croce…

Le parole sporche hanno generalmente quattro lettere, ma l’unica parola da cui la società educata si allontana sempre di più è una parola di cinque lettere: CROCE.

La nuova schizofrenia nella religione può essere chiamata staurofobia o “paura della croce”. Cristo è stato strappato dalla Sua Croce. Cristo è da una parte, la Croce è dall’altra. Così, abbiamo un Cristo senza Croce e una Croce senza Cristo.

Il Cristo senza la Croce non può salvare, perché rappresenta l’effeminatezza, il permissivismo e un Gesù Superstar che usa la musica per consolare la sconfitta.

La Croce senza il Cristo non può salvare, perché rappresenta Dachau, Auschwitz, i campi di concentramento, la pigiatura degli individui come l’uva per fare il vino collettivo dello Stato.

(Fulton J. Sheen, da “Those Mysterious Priests” 1974)

Non siate abbattuti perché i persecutori della religione, avendo deposto la Chiesa nel sepolcro come il Suo Fondatore, si vantano dicendo: “Ecco il luogo dove l’abbiamo deposta”.

La legge del progresso della Chiesa è il contrario della legge del progresso del mondo. Siamo più progressisti quando siamo più odiati.

È solo perché i fuochi della Sua Verità stanno accecando gli occhi malvagi convincendoli del peccato e del giudizio, che il mondo cerca invano di spegnerli. E anche se il mondo sta strappando tutte le fotografie e i progetti di una società e di una famiglia basate sulla Legge morale di Dio, non scoraggiatevi. La Chiesa ha conservato i negativi.

(Fulton J. Sheen, da “Ispirazioni quaresimali e pasquali”)

Il mondo è sempre pronto a recitare un requiem sulla tomba della Chiesa, ma questa risorge e recita un requiem sulle tombe altrui.

(Fulton J. Sheen, da “Tre per sposarsi” edizioni Fede e Cultura)

Pubblicità

Autore: Amici di Fulton Sheen

amicidifultonsheen@gmail.com

1 commento su “PROFEZIE DI FULTON SHEEN SUI NOSTRI TEMPI: “L’Anticristo immagina il nuovo Stato socialista in cui lui e i suoi seguaci organizzeranno ogni cosa…Il prossimo conflitto avverrà tra Religione di Dio e Religione di Stato, tra Cristo e Anticristo” LA PASSIONE DELLA CHIESA SARÀ SOTTO IL POTERE DELLO STATO TOTALITARIO”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: